Side Menu
 
Help OnLine | Commodity Channel Index
803
page-template-default,page,page-id-803,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,

Commodity Channel Index

Il CCI (Commodity Channel Index) è un oscillatore creato da Donald R. Lambert allo scopo di individuare i cambiamenti ciclici sul mercato delle commodities. L’ipotesi di base del CCI è che le commodities si muovono ciclicamente, con formazioni di massimi e minimi ad intervalli periodici. Nella pratica questo oscillatore è utilizzato anche su azioni ed obbligazioni e più in generale su tutti i mercati che presentano forti ciclicità. La costruzione del Commodity Channel Index parte dal calcolo del “Typical Price” e della sua “Simple Moving Average” a 20 periodi. Lambert consiglia di usare come periodo per il calcolo del CCI un terzo della durata del ciclo, quindi se il ciclo dura 60 periodi allora si userà un CCI a 20 periodi. Viene poi calcolata la deviazione media e costruito l’indicatore CCI come rapporto tra la differenza del typical price con la sua media mobile e la deviazione media moltiplicata per una costante a 0.015. La costante 0.015 introdotta da Lambert permette all’oscillatore di avere valori che sono nella maggioranza (70-80%) dei casi compresi tra +100 e -100. Il CCI è dunque utilizzato come vero e proprio oscillatore, evidenziando situazioni di ipercomprato quando si trova sopra a +100 e situazioni di ipervenduto quando si trova sotto a -100. Inoltre il Commodity Channel Index fornisce segnali di divergenze rispetto ai prezzi e queste sono tanto più forti quando più si verificano in posizioni di eccesso dell’indicatore.