Side Menu
 
Help OnLine | Banca Sella
90
page-template-default,page,page-id-90,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,

Banca Sella

Video Tutorial

beeTrader 2018 – Symbol Manager

Caratteristiche

beeTrader si interfaccia a Banca Sella attraverso il servizio Sella Trading Bridge che non necessita della piattaforma Sella Extreme attiva sul proprio pc, utilizzando questo broker si ha accesso ai dati storici di molti assets sia tra azioni che tra futures ed è anche possibile ottenere le Options Chain per azioni italiane, molte europee e maggiori indici.

Il collegamento tra beeTrader ed il Sella Trading Bridge avviene attraverso la creazione ed il collegamento degli assets in Symbol Manager.

Esempio di collegamento Future

Una volta che si è creato l’asset, come illustrato nella sezione del manuale Symbol Manager, procediamo ora al collegamento.

Attraverso l’anagrafica dell’asset che si vuole utilizzare (in questo caso il future FTSE MIB 40 scadenza 09-18) disponibile direttamente dalla piattaforma Sella Extreme, è possibile ricavare tutti i parametri necessari al collegamento tra beeTrader e il Sella Trading Bridge.

Clicca sull’immagine per ingrandire
  • Symbol: è il simbolo dell’asset così come richiesto dal broker;
  • Broker Costs: è il costo commissionale previsto dal broker. Se non è presente quello desiderato, o si desidera apportare delle modifiche, i profili commissionali sono disponibili in Symbol Manager alla voce Broker Costs.

Tutti i parametri richiesti possono essere recuperati dalla finestra Dettaglio di Sella Extreme ottenuta facendo click con il tasto destro del mouse sull’asset.

Esempio di collegamento Stock

Una volta che si è creato l’asset, come illustrato nella sezione del manuale Symbol Manager, procediamo ora al collegamento.

Attraverso l’anagrafica dell’asset che si vuole utilizzare (in questo caso Intesa Sanpaolo SpA) disponibile direttamente dalla piattaforma Sella Extreme, è possibile ricavare tutti i parametri necessari al collegamento tra beeTrader e il Sella Trading Bridge.

Clicca sull’immagine per ingrandire
  • Symbol: è il simbolo dell’asset così come richiesto dal broker;
  • Broker Costs: è il costo commissionale previsto dal broker. Se non è presente quello desiderato, o si desidera apportare delle modifiche, i profili commissionali sono disponibili in Symbol Manager alla voce Broker Costs.

Tutti i parametri richiesti possono essere recuperati dalla finestra Dettaglio di Sella Extreme ottenuta facendo click con il tasto destro del mouse sull’asset.

Esempio di collegamento Futures Chain e Options Chain

Una volta che si è creato l’asset, come illustrato nella sezione del manuale Symbol Manager, e lo si è collegato come illustrato in precedenza, procediamo al collegamento della Futures Chain.

Si seleziona quindi l’asset desiderato e cliccando con il tasto destro scegliere New Futures Chain.

Utilizzando i parametri usati in precedenza per il collegamento del sottostante è possibile collegare anche la Futures Chain.

Clicca sull’immagine per ingrandire
  • Market: scegliere il mercato in cui sono quotati i future (la lista viene fornita dal broker);
  • Underlying Market Code: come visto in precedenza per collegare l’asset sottostante (Intesa Sanpaolo SpA), il simbolo era MTA.ISP, si deduce che l’underlying market code è MTA;
  • Underlying Stock Code: come visto in precedenza per collegare l’asset sottostante (Intesa Sanpaolo SpA), il simbolo era MTA.ISP, si deduce che l’underlying stock code è ISP;
  • Broker Costs: è il costo commissionale previsto dal broker. Se non è presente quello desiderato, o si desidera apportare delle modifiche, i profili commissionali sono disponibili in Symbol Manager alla voce Broker Costs.

Sulla finestra d’impostazioni è presente il pulsante Test Settings che verifica mediante il download della chain dal broker se le impostazioni sono corrette. Se le impostazioni non sono corrette apparirà una finestra vuota, se sono corrette apparirà una finestra contenente la chain.

In modo analogo, si seleziona quindi l’asset desiderato e cliccando con il tasto destro scegliere New Options Chain.

Clicca sull’immagine per ingrandire
  • Market: scegliere il mercato in cui sono quotati i future (la lista viene fornita dal broker);
  • Underlying Market Code: come visto in precedenza per collegare l’asset sottostante (Intesa Sanpaolo SpA), il simbolo era MTA.ISP, si deduce che l’underlying market code è MTA;
  • Underlying Stock Code: come visto in precedenza per collegare l’asset sottostante (Intesa Sanpaolo SpA), il simbolo era MTA.ISP, si deduce che l’underlying stock code è ISP;
  • Broker Costs: è il costo commissionale previsto dal broker. Se non è presente quello desiderato, o si desidera apportare delle modifiche, i profili commissionali sono disponibili in Symbol Manager alla voce Broker Costs.

Sulla finestra d’impostazioni è presente il pulsante Test Settings che verifica mediante il download della chain dal broker se le impostazioni sono corrette. Se le impostazioni non sono corrette apparirà una finestra vuota, se sono corrette apparirà una finestra contenente la chain.

Se si riscontrano difficoltà nel collegamento di nuovi asset si consiglia di fare riferimento a quelli già inseriti per verificare i parametri corretti.

La scadenza di un Future

Come ben sappiamo, i future, sia su indici che su commodities che su obbligazioni, sono soggetti a scadenza che solitamente avviene ogni tre mesi, ma può avvenire anche ogni mese. In Symbol Manager un future scaduto viene evidenziato di rosso, a questo punto si rende quindi necessaria la sostituzione del simbolo di collegamento del future, del nome e della data di scadenza.

Pensando a questa esigenza è presente il comando Clone che permette, una volta selezionato un asset, di clonarlo in uno nuovo che manterrà tutti i parametri del precedente fatta eccezione di Name ed Expiry e simbolo di collegamento al broker. Utilizzando la funzione Clone sostituire un future scaduto diventa molto più rapido.

Clicca sull’immagine per ingrandire

Il simbolo scaduto viene evidenziato in Rosso.

Siccome i simboli di default non sono modificabili, selezioniamo il future scaduto e clicchiamo il pulsante CLONE.

A questo punto ci viene richiesto di assegnare un nome al nuovo asset, lo chiamiamo CRUDE OIL 12-18.

Clicca sull’immagine per ingrandire

Ora abbiamo il nuovo future CRUDE OIL 12-18 e possiamo procedere alle modifiche necessarie.

Clicca sull’immagine per ingrandire

Procediamo a modificare la data direttamente dalla schermata principale, e successivamente il simbolo di collegamento per Banca Sella che può essere recuperato da Sella Extreme come visto in precedenza.

In pochi passaggi è stato creato il nuovo asset CRUDE OIL 12-18 clonando quello scaduto CRUDE OIL 09-18.

Ad ogni scadenza trimestrale la lista dei simboli viene in ogni caso aggiornata in automatico.